Laboratorio Artigianale – Quartiere Aurelio

Nell’area del Quartiere Aurelio di Roma si è intervenuti nella rigenerazione di un locale in disuso e abbandonato da tempo dalla proprietà. Il committente, un’azienda operante nel settore dell’artigianato e nello specifico nella decorazione di porcellane e decorazioni, ha affidato al nostro studio il progetto per la rigenerazione dell’immobile.

Da un primo sopralluogo i locali si presentavano da subito in condizioni fatiscenti, ma gli ampi spazi e le altezze si sarebbero prestati a molteplici funzioni. Esaminato anche lo stato di degrado delle pavimentazioni e degli impianti esistenti si è proceduto a considerare un intervento di risanamento completo.

A seguito di confronto con la committenza e apprese le esigenze lavorative e funzionali di cui la loro attività necessitava, si sono elaborate le prime bozze concettuali degli interventi da eseguire. Dopo alcune revisioni si è concretizzato un progetto finale che considerava gli spazi dell’immobili con una nuova prospettiva.

Sono state infatti create delle nuove aree di lavoro open space, dove alloggiare attrezzature utili alle lavorazioni del laboratorio, oltre che locali direzionali e di rappresentanza e tutti gli spazi previsti dalla vigente normativa in materia di sicurezza sul lavoro ed igienico sanitaria.

Si sono quindi costituiti alcuni spazi principali:

  • Due aree di lavorazione;
  • Un’area direzionale;
  • Un magazzino;
  • Uno spazio distributivo di collegamento alle varie aree;
  • Servizi e locali tecnici.

Nel corso della lavorazioni ha quindi preso forma un nuovo locale, trasformato nella distribuzione interna e integrato degli impianti tecnologi progettati idoneamente alla vigente normativa ed in accordo con le funzioni a cui si prestano.

Nelle foto si può notare il concetto trainante del progetto e degli interventi, volti soprattutto a dare nuova vita ad un locale abbandonato e che, apparentemente, non potesse essere destinato ad attività artigianali.

La committenza, entusiasta del risultato finale, ha pertanto preso possesso e finalmente avviato questa nuova attività innovativa per il contesto in cui si trova lo stabile, sicuramente ben accolta dato il recente passato di abbandono.

Rispondi